co-marketing-uomo-acciaio-unimolUno è l’Uomo d’acciaio, remake dello storico film Superman, l’altra è un’assicurazione, Unipol, che non ha certo bisogno di presentazioni.

Cosa c’entrano l’uno con l’altra? Il fatto che l’azienda di assicurazione è riuscita ad organizzare un’azione di co-marketing interessante – cavalcando la popolarità di un evento destinato ad un pubblico di massa – al fine di intercettare un vasto pubblico, potenzialmente interessato ai suoi servizi attraverso una strategia di marketing multicanale.

In concomitanza con l’uscita nella sale del film (lo scorso giugno), Unipol ha deciso di organizzare un concorso per entrare in contatto con una grande fascia di pubblico. L’incentivo per facilitare una efficacie azione di lead generation è davvero interessante: un viaggio a New York per due persone e l’instant game in cui si ha la possibilità di sapere immediatamente se si ha diritto ad una delle 1.000 t-shirt dell’Uomo d’acciaio (con queste magliette potrai pavoneggiarti sulla spiaggia 🙂 ).  Per partecipare al concorso basta cliccare qui: https://www.unipolyousoluzioni.it/unibox/phase_1/1

Quindi se compilando il form vinci una maglietta dovrai ritirala in una delle agenzie assicurative  Unipol che sono più vicine a te. Un’ottima strategia che permette un contatto tra cliente e le agenzie di assicurazione. Un ottimo modo di convertire sul territorio un evento di visibilità notevole.

Per le piccole imprese credo che ci sia da prendere appunti. Certo capisco che mettere in palio un viaggio a New York di una settimana non è alla portata di tutti e che legarsi ad eventi così in vista sia alla portata di pochissimi. Il sistema messo in atto però può fornire ottimi spunti.

Ricapitolando, un’azione di co-marketing può andare a vantaggio di due aziende che possono cogliere l’opportunità di risparmiare sui costi di marketing e comunicazione (oppure a parità di budget possono aumentare la visibilità di un evento o progetto).

Inoltre, nel caso di concorsi a premio il consiglio spassionato è quello di non lesinare: il regalo o il premio deve essere davvero incentivante (con qualche centinaio di euro si può organizzare un week-end in una capitale europea e direi che come premio non è male). Se il premio è appetibile si otterrà un maggiore riscontro tra il pubblico e si otterranno un maggior numero di contatti. Al contrario, con premi meno incentivanti, si rischierebbe di vanificare tutto lo sforzo fatto fino a quel momento ed di ottenere pochi contatti commerciali.

Qui sotto potete godervi il trailer del film… 😉

 

Andrea Libertone
Seguimi su:

Andrea Libertone

Consulente Web Marketing at Andrea Libertone
Mi chiamo Andrea Libertone e sono un Consulente di Web Marketing Specializzato in Google AdWords. Aiuto le aziende ad aumentare visibilità e vendite. Leggi i miei articoli per scoprire come migliorare il tuo business online.
Andrea Libertone
Seguimi su: